Archivio Categoria: Blog

Tunnling veloce per il debug delle nostre app o siti

Vi sarà sicuramente capitato di trovarvi davanti l’esigenza di dover esporre in rete un servizio presente sul nostro PC ad esempio per poter eseguire un test direttamente da un device esterno prima di pubblicarlo in rete o magari far provare delle versioni di test delle nuove API che state realizzando.

Quello di cui voglio parlarvi è un utile tool che ci permette proprio di creare un

Secure tunnels to localhost

”I want to expose a local server behind a NAT or firewall to the internet.”

come cita la homepage di NGROK che a discapito del nome inpronunciabile fà il suo dovere in modo semplice e veloce oltre ad essere gratuito nella sua versione base e (cosa che non guasta mai) multipiattaforma.

Una volta scompattato il pacchetto per poter iniziare ad utilizzarlo non dovremo far altro che lanciare il comando

ngrok http [port] -host-header=”localhost:[port]”

e subito vedremo in output sulla console l’indirizzo che è stato assegnato al nostro server (nella versione a pagamento è possibile scegliere un nome fisso mentre nella versione free varierà di volta in volta) che potremo utilizzare per richiamare il nostro servizio come se fosse pubblicato in rete e raggiungibile da qualsiasi dispositivo connesso

Vediamo quali possono essere i casi di utilizzo in cui potrebbe tornarci utile:

  • debug di api richiamate da applicazioni installate su device fisici
  • debug di chiamate webhook da parte di servizi terzi (es IPN di paypal)
  • visualizzazione del sito in sviluppo da parte di una persona esterna
  • ecc ecc.

Come sempre non mi resta che augurarvi buon Coding!!

Project Rome e cross device su IoProgrammo

ioprogrammo_july2017

Questo mese su IoProgrammo numero 215 di Luglio troverete il mio nuovo articolo su Project Rome e come utilizzarlo per condividere dati e funzionalità tra le varie piattaforme su cui la vostra applicazione è disponibile.

Una funzionalità disponibile in windows 10 che potrà dare una marcia in più alle vostre applicazioni.

Buon coding!!

 

DotNetAbruzzo su Technet

Grazie ad Emiliano Musso ho avuto modo di fare un’intervista per raccontare quanto abbiamo fatto quest’anno con DotNetAbruzzo

Già qualche giorno fà era stata postata la versione inglese dell’articolo

https://blogs.technet.microsoft.com/wikininjas/2017/06/23/friday-international-update-news-from-dotnet-abruzzo-italian-community/

Da oggi è presente anche quella in italiano.

https://blogs.technet.microsoft.com/wikininjasit/2017/07/09/sunday-special-aggiornamenti-dalla-community-dotnet-abruzzo/

Non posso far altro che ringraziare Emiliano per l’opportunità e consigliarvi di leggere l’articolo in questione 😀

Perchè community? (#TecHeroes loves #Gamedev Tour)

Poche settimane fà insieme a Microsoft con DotNetAbruzzo abbiamo organizzato la tappa Aquilana del  #TecHeroes loves #Gamedev Tour, un’evento itinerante con varie tappe in giro per l’italia per far conoscere il mondo dello sviluppo di videogame.

Come è consuetudine Microsoft in queste situazioni si appoggia alle community locali che conoscono bene il territorio per avere una mano nell’organizzazione e nel contempo dà essa stessa una mano pubblicizzando l’evento e facendo quindi conoscere la community.

In questo caso come DotNetAbruzzo, di cui sono fondatore, siamo stati onorati della scelta, ancor di più per la giovinezza della nostra community che ha da poco superato il primo anno dalla fondazione.

L’evento è stato un gran successo sia in partecipazione che in interesse, stupendo gli stessi speaker ( che diciamo non sono proprio neofiti e quindi ne hanno viste di platee 😀 ) e ci ha ripagato come organizzatori e speaker di tutto quello che abbiamo fatto.

Questo è un tipico esempio di quello che vorrei far capire alle persone che mi chiedono “perchè utilizzi tempo ed energie per portare avanti la community?”

Dietro cose del genere c’è molto lavoro di organizzazione, ricerca della location, pubblicità, preparazione delle sessioni ecc e se devo confessare a volte c’è anche sconforto quando ti trovi davanti ostacoli futili ma poi ti rimbocchi le mani ed insieme agli altri membri cerchi di aggirare l’ostacolo (come non posso ringraziare Gino per la grande pazienza con me e lo sbattimento per la location 😀 ).

Il tutto poi è fatto in modo gratuito, anzi spendendo anche dei soldi in viaggi, cene, alloggi che nessuno ti rimborsa. A questo punto la domanda torna, perchè?

Almeno nel mio caso è la voglia di condividere e l’amore che ho per quello che faccio e che fortunatamente è il mio lavoro. Vedere persone interessate, soprattutto ragazzi, che finito l’evento ti vengono a parlare, ti fanno domande e ti ringraziano personalmente non ha valore. C’è poi la voglia di voler dare una mano alle nuove generazioni, quando ero io lì al loro posto avrei voluto poter avere occasioni del genere ed avendo due figlie piccole vorrei che anche loro potessero avere occasioni del genere in futuro per poter sapere cosa li circonda e quale potrebbe essere il loro impegno futuro, soprattutto in un campo che è quello della tecnologia che avanza ad una velocità impressionante ed in cui le università fanno fatica a stare al passo.

Questa volta siamo stati fortunati e l’università ha anche realizzato un video dell’evento quindi potete avere un’idea di quello che vi siete perso se non avete partecipato, e magari potrà farvi venire voglia di andare ad un’altro evento. Quello che voglio consigliarvi è di guardarvi intorno, di qualsiasi cosa siate appassionati cercate e sicuramente troverete una community in cui potrete partecipare per condividere le vostre passioni e magari se non c’è fate come me è fondatela 😀

Spero di non avervi annoiato con questo lungo post ma di aver invece stuzzicato la vostra voglia di conoscenza.

Di seguito trovate il video di cui vi parlavo.

Come sempre buon coding…….

Due utili estensioni per generare gli asset delle nostre UWP

A tutti sarà successo di dover creare i vari asset per le nostre app e di aver perso molto tempo con i vari photoshop  o simili per ridimensionare tutte le immagini nelle giuste dimensioni, voglio quindi segnalarvi due estensioni per Visual Studio che possono permetterci di risparmiare un pò di tempo facendo il lavoro per noi.

UWP Tile Generator

E’ l’estensione più semplice da usare. Permette partendo da un file immagine PNG o SVG di generare tutte le immagini di cui abbiamo bisogno.

Una volta installata facendo click con il tasto detro del mouse su un file compatibile avremo a disposizione due nuove voci nel menù contestuale

uwp20context

che ci permetteranno di generare tutti i file per le nostre Tile oppure per lo splash screen.

I sorgenti del progetto sono anche disponibili su GitHub, quindi se volete potete partecipare allo sviluppo potete farvi avanti 😀

UWP Visual Assets Generator

Ha sostanzialmente le stesse funzioni di UWP Tile Generator ma con molte più opzioni che permettono di selezionare quali file generare e che caratteristiche devono avere e come potete vedere nella schermata è un pò più complessa nell’utilizzo.

screenshot

Questa estensione oltre ai file SVG e PNG permette di aprire anche file JPG e GIF ma di contro non dispone della possibilità di essere lanciata con il tasto destro su un’ immagine ma dovremmo lanciare la relativa finestra da

View -> Other Windows -> UWP Visual Assets Generator

Quale utilizzare?

Come sempre non c’è una scelta giusta ma occorre sempre decidere quale è più è utile nel nostro caso.

Se non volete preoccuparvi dei dettagli ma solo avere le vostre icone generate in automatico UWP Tile Generator è forse la scelta migliore, se invece volete avere controllo su tutti i file generati UWP Visual Assets Generator farà al vostro caso.

Voi quale avete scelto? Ne conoscete altre? Fatemi sapere nei commenti

Buon coding!!

Windows 10 Anniversary Update è arrivato

Da pochissimi giorni è disponibile l’aggiornamento di Windows 10 chiamato Anniversary Update sulle varie piattaforme (XBox, PC, Iot,Hololens) al momento manca all’appello solo la versione per mobile ma dovrebbe essere questione di pochissime settimane.

Questo aggiornamento introduce importanti novità sia per gli utenti (basta citare l’inserimento della Shell Bash 😀 ) che per gli sviluppatori come l’apertura dello store alle app convertite con il Desktop Bridge o le nuove api per Cortana e Windows Ink

Per tutti i dettagli sull’aggiornamento e per i link per scaricare l’SDK aggiornato è possibile far riferimento alla pagina ufficiale del rilascio https://blogs.windows.com/buildingapps/2016/08/02/windows-10-anniversary-update-sdk-14393

Per utilizzare il nuovo SDK vi basterà cambiare la versione Target nelle impostazioni del progetto, ma se avete qualche dubbio in merito è stata creata anche una pagina apposita con tutte le istruzioni passo passo

https://blogs.msdn.microsoft.com/visualstudio/2016/08/02/universal-windows-apps-targeting-windows-10-anniversary-sdk/

Se siete arrivati a questo punto della lettura non posso far altro che augurarvi buon coding 😀

La vostra nuova app per windows 10 appena pubblicata non è ancora visibile? Facciamo un pò di chiarezza

Ultimamente ho letto su molti siti e forum di persone che si lamentano che la loro nuova app appena pubblicata che ha passato tutti i controlli non è ancora visibile o scaricabile.La cosa è normale vista la complessa architettura che c’è dietro, le varie cache e allineamenti dei server. Basandomi sulla mia esperienza ecco le tempistiche che ho potuto registrare nei vari step

Pagina sullo store / store web

Di solito visibile entro circa 24h dalla pubblicazione, in alcuni rari casi sono arrivato anche a 48h

Disponibilità app al download

Di solito entro 24h/48h dalla visibilità dell’app. Durante questo lasso di tempo possono esserci utenti che potranno scaricarla ed altri che riceveranno degli errori dallo store o vedranno l’app come ancora non disponibile

Non disperate quindi se non vedete la vostra nuova app scaricabile o se qualcuno vi segnala qualche problema, vedrete che massimo entro 3/4 giorni tutto andrà a posto.

Naturalmente nel caso di aggiornamento i tempi saranno decisamente ridotti e di solito in qualche ora sarà visibile.

Il mio consiglio è quindi di aspettare a pubblicizzare la vostra app, sò che fremete ma conviene attendere qualche giorno per evitare i commenti negativi degli utenti che non riescono a scaricarla.

Sono passati 4 giorni e la mia app ancora ha dei problemi nel download o non è visibile

Il team dello store ha pensato anche a questo caso, è stato infatti aggiunto un link per poter segnalare questo problema nella sezione submissions

store_help

Occorre quindi avere solo un pò di pazienza e al 99% la visibilità della vostra app si sistemerà sola!

Buon coding!

UWP: ListView con larghezza degli elementi al 100%

Se volete che in una vostra app gli elementi di una ListView occupino il 100% dello spazio disponibile orizzontalmente dovrete andare a modificare il tema del controllo ListView e non sarà sufficiente utilizzare la solita proprietà HorizontalAlignment=”Stretch” del controllo in questione.

Lo stile che andrà modificato è più precisamente l’ItemContainerStyle.

E’ possibile farlo in modo molto semplice utilizzando le seguenti righe da codice da inserire all’interno del tag <ListView><ListView> della vostra app

<ListView.ItemContainerStyle>
 <Style TargetType="ListViewItem">
 <Setter Property="HorizontalContentAlignment" Value="Stretch" />
 </Style>
 </ListView.ItemContainerStyle>

Buon coding!!

MVP Microsoft 2016!!!

mvp

Solo qualche ora fà ho ricevuto una delle più belle notizie degli ultimi anni, quella di essere essere stato nominato MVP Microsoft per l’anno 2016 nella categoria  Windows Development!

Come recita la mail che mi è portato questa bella notizia

Si tratta di un premio destinato ai leader delle community tecniche con doti eccezionali che condividono attivamente con altri la straordinaria qualità della propria competenza sul campo

Devo ammettere di avere ancora le idee un pò confuse ma questo non voglia dire che non sono felice soprattutto pensando che fino a qualche anno fà ero dall’altro lato, tra quelli che andavano a seguire gli eventi nella capitale e guardavano da lontano questi personaggi infervorati di tecnologia che parlavano dal palco!

Poi andando avanti e conoscendoli ho visto il mondo che c’era dietro ed ho conosciuto il vero amore per la tecnologia.

Da lì la voglia di fare qualcosa e di mettere su una community anche in Abruzzo dove non c’è mai molto in questo campo 😀

Grazie anche a Erica e Lorenzo di Microsoft con le loro dritte ho iniziato ad organizzare DotNetAbruzzo, e da li a poco ecco il primo evento!

Naturalmente da solo non avrei potuto far nulla ed ecco quindi che mi sono venuti in soccorso gli MVP di tutta italia con Gian Maria,Marco ^2, Massimo, Matteo, Nicolò (spero di non scordarne nessuno 😀 ) per i vari eventi ed anche se praticamente li conoscevo pochissimo si sono gettati in questa avventura per dare una mano i puro stile community.

Poi da lì a poco c’è stato il palco di Future Decoded davanti a tutta quella gente con il training di Lorenzo e di tutti gli altri della squadra DX e non solo, dell’ottimo gruppo di Microsoft Italia!

Questo riconoscimento è il miglior coronamento per tutto questo, e naturalmente non è un punto di arrivo ma uno stimolo per migliorare sempre di più, anche se in questa regione non è così semplice fare innovazione tecnologica di certo non mi tiro indietro, quindi aspettatevi nuovi eventi e nuovi post 😀

Buon Coding!!!!

UWP: Lavorare con i file – i permessi

Riscrivendo come UWP la mia app Your Files e volendo trasformarla anche in un file manager ho avuto (e stò avendo) molto a che fare con la gestione dei files. Ho deciso quindi di scrivere questa serie di post cercherò di condividere  quello che ho imparato in modo che possa essere utile anche ad altri.

Questi post hanno come riferimento le app UWP per windows 10 ma visti i punti in comune con la versione RT della piattaforma (Windows 8/8.1 e Windows Phone 8.1 RT) quanto sarà descritto potrà essere applicato anche ad essa.

Permessi per accedere ai file

Le app UWP per poter essere controllate e non fare danni o accedere a file sensibili sono confinate in una sandbox e hanno necessità che gli vengano forniti i permessi per poter accedere ai file sul file system.

L’accesso ai file può avvenire in due modi:

  • Attraverso il file di manifest
  • Attraverso una richiesta programmatica all’utente (FilePicker)

Permessi attraverso il file di manifest

Tramite il file di manifest possiamo selezionare due permessi di accesso alla raccolta musicale ed alle immagini che ci permettono di avere accesso diretto alle due cartelle relative

manifest

 

Per tutti gli altri file e cartelle (compresa quella dei documenti) occorre fare esplicita richiesta all’utente

Permessi tramite esplicita richiesta

Per poter richiedere il permesso di poter accedere a qualsiasi file o cartella (non protetta) del file system Windows 10 ci mette a disposizione gli oggetti FileOpenPicker e FileSavePicker per i file e FolderPicker per le directory

Iniziamo a vedere un esempio di come ottenere l’accesso ad un file

// Configurazione
 FileOpenPicker fop = new FileOpenPicker();
 fop.FileTypeFilter.Add(".png");
 fop.FileTypeFilter.Add(".jpeg");
 fop.FileTypeFilter.Add(".jpg");
 
 // Interazione con l'utente
 StorageFile sf=await fop.PickSingleFileAsync();
 // controllo se il file è stato selezionato
 if (sf != null)
 

Come potete vedere una volta creato l’oggetto FileOpenPicker è necessario popolare la lista FileTypeFilter con le estensioni tra cui vogliamo che l’utente possa scegliere.

Considerazione importante è che non è possibile aggiungere il filtro .* o simili sempre per motivi di sicurezza, quindi è necessario sempre inserire la lista completa delle estensioni che si vogliono gestire

Se vogliamo invece avere accesso a tutti i file di una cartella (e di tutte le relative sottocartelle) possiamo utilizzare il FolderPicker in modo molto simile a come visto precedentemente

FolderPicker fp = new FolderPicker();
StorageFolder folder=await fp.PickSingleFolderAsync();
if(folder!=null)

Mantenere i permessi ricevuti

Utilizzando il codice che abbiamo visto negli scorsi paragrafi saremo costretti a richiedere i permessi ogni volta che andiamo ad utilizzare una cartella, anche se l’utente li aveva già dati in una sessione precedente. Per risolvere il problema possiamo utilizzare l’oggetto FutureAccessList che ci permette di memorizza cartelle e file con relativi permessi per un utilizzo futuro.

In più ad ogni oggetto possiamo assegnare un token per una ricerca più veloce.

L’utilizzo è decisamente semplice

// Aggiunta di una cartella o file alla lista
 StorageApplicationPermissions.FutureAccessList.Add(folderOrFile, metadata);
 
// Ripristino di un file o folder con i relativi permessi
StorageFile sf=await StorageApplicationPermissions.FutureAccessList.GetFileAsync(token);
 StorageFolder folder = await StorageApplicationPermissions.FutureAccessList.GetFolderAsync(token);

La classe mette a disposizione anche ulteriori metodi come CheckAccess per controllare se sono presenti i permessi per una determinata cartella.

Conclusioni

In questo post abbiamo visto come vengono devono essere gestiti i permessi per accedere ai file nelle nostre app.

Rispetto alla normale programmazione desktop occorre avere qualche accortezza in più, ma è lo scotto da pagare per avere una piattaforma più sicura.

Nei prossimi articoli vedremo come visualizzare modificare tutti i dettagli dei file e come utilizzarli per scrivere e leggere le informazioni in essi contenute

Se avete qualche dubbio lasciate pure un commento! Buon coding!!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi